Nacional, una serata indimenticabile

23 agosto 2009

presentazione del Nacional

presentazione del Nacional

Nel corso di una cerimonia indimenticabile, il Nacional ha presentato la squadra per la prossima stagione. Uno a uno, sono stati acclamati i giocatori rimasti, quelli tornati e quelli che faranno il proprio debutto con la maglia più bella del mondo.

Il Nacional ha dimostrato ancora una volta di essere la Società più all’avanguardia del Paese. Quella che segna il passo, che innova, la prima e la più grande.

Settemila tifosi si sono dati appuntamento al Parque Central per assistere alla presentazione della prima squadra per il 2009-2010.

Dalle 18.30 le vie della Blanqueada (quartiere di Montevideo, NdT) si sono riempite di cortei umani diretti al tempio tricolore.

Gli spalti stracolmi, una passerella spettacolare con illuminazione robotica fatta di laser e fumogeni, perfettamente predisposta da Fernando Gonzalez, il responsabile audio del Parque, hanno contraddistinto uno spettacolo senza precedenti.

I preparativi per i festeggiamenti erano iniziati già alle 13 con la collaborazione di Punto Ogilvy, l’agenzia del Nacional.

Nonostante il freddo e la minaccia di pioggia per la serata, i tifosi hanno dimostrato una volta di più di essere innanzitutto loro a far grande il Nacional.

Negli spogliatoi, dopo la presentazione, i giocatori hanno dichiarato di non  aver mai vissuto niente del genere. Molti di loro, che arrivano dall’estero, hanno detto che la presentazione è stata modernissima. Poco prima, erano usciti uno alla volta accompagnati da un assistente, in un tripudio di luci.

Per non parlare dell’emozione e della tensione provata dai giovanissimi della Pre-septima, che hanno potuto addirittura giocare (e con che classe!) con i propri beniamini. L’entusiasmo degli esordienti e l’esperienza si sono uniti in una serata da sogno. Continuità e uno sguardo al futuro. I giovani entravano dopo essere stati consigliati da Avecedo (l’allenatore, NdT) e stringevano la mano ai vari OJ, Lembo, Guigou…

Waldemar Victorino, Ostolaza ed Eduardo de la Peña non potevano mancare e hanno consegnato targhe di ringraziamento a chi è rientrato al Club (Lembo, Varela, Guigou).

Una considerazione a parte merita il riconoscimento di Alarcon (il Presidente, NdT) al capitano OJ Morales. Nel frattempo, lo ‘zio’ Aldo animava gli spalti con una presentazione degna dell’occasione.

In definitiva, dopo quel che si è vissuto ieri (giovedì, NdT) non ci sono più parole, contano solo i fatti. E sono proprio questi a sottolineare che il Nacional è reso grande dalla gente e che la Cultura Nacional è uno stile di vita per gli amici del Nacional.

articolo del sito ufficiale del Nacional Montevideo http://www.nacional.com.uy/mvdcms/uc_3116_1.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: