Manchester United, arriva il City

17 settembre 2009

sciarpate mancuniane

sciarpate mancuniane

La data del derby è una delle prime che tanto i tifosi dello United quanto quelli del City vanno a cercare quando escono i calendari, a giugno. L’attesa è quasi finita (si gioca domenica, NdT)…

Stato di forma I rivali cittadini dello United hanno prestato fede ai loro proclami diventando gli antagonisti principali delle prime quattro forze del torneo. Il City ha già eguagliato il record totale di vittorie fuori casa della scorsa stagione con, a oggi, due successi esterni – e due nelle Eastlands – con un record del 100% al principio di questa campagna. I successi su Blackburn, Wolves e Portsmouth sono stati incrementati lo scorso fine settimana da un notevolissimo 4-2 sull’Arsenal, con Emmanuel Adebayor, in evidente spolvero, che ha mantenuto il proprio record di almeno una marcatura a partita. I Blues sono oltretutto ancora in corsa nella Carling Cup (la Coppa di Lega, NdT) dopo aver battuto per 2-0 fuori casa il Crystal Palace (allorché un certo argentino ha aperto le marcature). Lo United, nel frattempo, si è rimesso in carreggiata – una netta vittoria per 3-1 sul campo del Tottenham nell’ultimo week-end ha rappresentato il terzo successo consecutivo dopo lo scivolone di Burnley, a inizio campionato.

Chi gioca e chi no Il City ha problemi in attacco, soprattutto adesso che l’ampiamente prevedibile squalifica di Adebayor è stata confermata dalla Federazione. La sua sospensione per tre turni per comportamento violento, dopo la sua aggressione a Robin van Persie, avrà inizio domenica. Robinho è ancora indisponibile per via di una frattura da affaticamento e anche Carlos Tevez è difficile che giochi contro i suoi ex datori di lavoro avendo da poco patito un infortunio al ginocchio con la Nazionale, contro il Brasile. Roque Santa Cruz è tornato ad allenarsi regolarmente solo in settimana. Nello United mancheranno ancora Rafael, van der Sar, Hargreaves e Gabriel Obertan, ma anche Rio Ferdinand potrebbe restare di nuovo fuori. Il difensore centrale non ha preso parte alla vittoria di metà settimana a Istanbul (1-0 sul campo del Besiktas nella prima giornata di Champions League, NdT) per via di un risentimento all’inguine riscontrato al rientro dalla trasferta sul campo del Tottenham.

Manager L’ex beniamino dei Reds Mark Hughes è alla sua seconda stagione nelle Eastlands, con la speranza di guidare la propria quadra a grandi successi. Più di 100 milioni di sterline spesi durante l’estate dimostrano quanto fortemente i Blues desiderino entrare fra le grandi.

Stella Gareth Barry ha messo fine alle speculazioni sul proprio futuro quest’estate, firmando col City un contratto da 12 milioni di sterline. Dopo un tiramolla infinito col Liverpool, Barry sembrava dover rimanere al suo vecchio Club, l’Aston Villa, prima di passare sorprendentemente (o no) al City. Si è inserito senza fatica nel centrocampo dei Blues, diventando un giocatore essenziale nel loro brillante inizio di stagione.

da un articolo di Matt Nichols per il sito ufficiale del Manchester United

http://www.manutd.com/default.sps?pagegid=F9E570E6-407E-44BC-800F-4A3110258114&newsid=6639801

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: