Chelsea, Ancelotti: amnesia selettiva

3 ottobre 2009

Ancelotti, Benitez e due epiche finali di Champions

Ancelotti, Benitez e due epiche finali di Champions

Domenica Carlo Ancelotti rinnoverà la sfida a Rafa Benitez, usuale avversario europeo che a suo giudizio è tra i più grandi esperti di tattica che ci sono nel calcio.

I due, come tutti sanno, si sono affrontati nelle finali di Champions League del 2005 e del 2007, quando l’italiano era alla guida del Milan, e hanno trionfato in un’occasione a testa.

La finale del 2005 è stata una delle più memorabili degli ultimi anni, con il Milan avanti 3-0 all’intervallo prima che con un incredibile recupero il Liverpool riuscisse a vincere ai calci di rigori, mentre due anni più tardi i rossoneri si sono vendicati vincendo per 2-1 ad Atene.

”Non mi ricordo del 2005!” ha affermato scherzando Ancelotti. “Se volete, posso ricordarmi del 2007! E’ possibile che Rafa invece si ricordi del 2005 ma non del 2007!”

Ripensando a quella serata di Istanbul di cinque anni fa, il cinquantenne allenatore la considera una lezione da cui imparare perché solo facendone tesoro si può addolcire il ricordo.

”Non sto male se ci ripenso. Nel calcio, i momenti difficili possono favorire un miglioramento e quello di certo è stato un momento difficile,” ha riconosciuto.

”Una volta che arrivi in finale puoi vincere come perdere. Noi, quella partita incredibile l’abbiamo persa. Quella finale resta una delle più belle cui abbia partecipato il Milan. Abbiamo perso, e questo rimane un ricordo, non certo positivo, ma nemmeno così negativo.”

Nel 2007 c’ha messo lo zampino il destino, regalandoci l’occasione per una rivalsa sul Liverpool dopo due soli anni. Per noi è stato bellissimo e credo che fossimo certi che avremmo vinto quella partita.”

Quella è stata l’ultima occasione in cui Ancelotti ha incontrato Benitez,e adesso non vede l’ora di prender parte a un’altra sfida di tattica, domenica allo Stamford Bridge.

”Le squadre di Benitez sono molto bene organizzate, soprattutto in difesa, e sono abilissime a recuperare la palla,” ha analizzato. “Mi piace come lavora, giocare contro la sua squadra è stato molto difficile. Il motivo è che non hanno concesso occasioni davanti alla loro difesa quindi spero che domenica sarà un po’ più semplice.”

Ancelotti aveva già detto quanto sia importante annullare Fernando Torres nell’attacco del Liverpool, ma è nel possesso di palla che spera di fare meglio rispetto alle due ultime uscite, col Wigan e l’Apoel.

”Il problema che abbiamo avuto nell’ultima partita è stato un possesso di palla troppo poco deciso,” ha ammesso. “Dobbiamo essere più veloci quando abbiamo la palla, soltanto questo. Dobbiamo far circolare la palla più in fretta, e in avanti.”

Un uomo prezioso in questo potrebbe risultare Joe Cole, che adesso è di nuovo a disposizione, come il resto dei giocatori. Il 27enne avrà certamente una voglia matta di essere convocato nuovamente in Nazionale dopo la partita di domani. Ancelotti non vede perché Fabio Capello non dovrebbe richiamare il regista.

”Mi sembra che adesso Joe Cole stia lavorando con la squadra, che si stia allenando insieme agli altri. Non ha giocato, a parte col Queens Park Rangers, ma se Capello vuole convocarlo, lui è pronto,” ha confermato.

servizio del sito ufficiale del Chelsea

http://www.chelseafc.com/page/LatestNews/0,,10268~1816360,00.html

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: