'Luxa' è tornato a casa

L’attaccante e il nuovo allenatore rossonero avevano già lavorato insieme al Santos e al Cruzeiro

I curriculum di Deivid e Luxemburgo sono di prim’ordine. Il primo, come attaccante, ha già vinto due campionati brasiliani, una Copa do Brasil, un campionato del Minas Gerais e uno di Rio-San Paolo. Il tecnico, da parte sua, ha nel palmarès cinque titoli brasiliani, una Copa do Brasil, otto Paulisti, due di Rio-San Paolo e uno del Minas Gerais. Fra tante conquiste, i due hanno condiviso quelle col Cruzeiro, nel 2003, e col Santos, nel 2004.

Nella squadra mineira hanno conquistato tre titoli in una sola stagione: quello statale, la Copa do Brasil e il Brasileiro, che l’anno seguente hanno fatto loro ancora col Santos. Per questo motivo Deivid non vedeva l’ora di riabbracciare l’allenatore. Ora, con la maglia del Flamengo di cui entrambi sono sempre stati tifosi, spera che possano ripetere quei successi.

“Magari riuscissimo a ripeterci qui… Sono molto contento del suo arrivo e sono certo che possa davvero aiutarci. Con lui ho fatto delle ottime campagne, abbiamo vinto trofei e faremo di tutto per vincere ancora, questa volta per il Flamengo,” ha dichiarato.

L’attaccante ha solo parole di elogio per il modo di lavorare del ‘nuovo, vecchio’ allenatore. A detta sua, l’esperienza di Luxemburgo e la conoscenza che ha di questo mondo prima da giocatore e poi da tecnico possono fare la differenza quando si tratta di dirigere una squadra.

“E’ una persona intelligente, che ha già vinto molto sia sul campo che dalla panchina. Ha esperienza, sa condurre una squadra e questo fa la differenza, sicuramente. Io dico che il suo lavoro darà buoni frutti qui al Flamengo,” ha concluso.

da un articolo del sito ufficiale del Flamengo
http://www.flamengo.com.br/site/noticias/noticia.php?id=10673

l'Impero dell'Amore: letale

I compagni di squadra elogiano le capacità della coppia di risolvere le partite: “Là davanti sono decisivi”

Adriano e Vagner Love, insieme, hanno messo a segno il 57% dei gol del Flamengo nel Campionato Carioca (ricordiamo che il Flamengo è campione in carica del Brasileirao, NdT). Hanno firmato 23 delle 40 reti segante dai rossoneri, (12 Love e 11 Adriano). Per questo la fiducia della squadra nell’Impero dell’Amore rimane grandissima.

L’esterno Leonardo Moura ha fornito un bell’assist al numero 9 permettendogli di segnare il gol della vittoria contro l’America, domenica scorsa. Il numero 2 ha messo la palla sulla testa dell’Artilhero do Amor, che non ha perdonato (…).

Il compito di giocatori come Leo, che s’incaricano di dare il via a giocate offensive, risulta più facile in presenza di una coppia di attaccanti di qualità come quella formata da Adriano e Love. “Sono contento di poter contare su Love e Adriano in attacco e di potergli fornire assist, perché sanno sfruttarli bene là davanti,” ha detto.

La media dei due cannonieri è impressionante. Con loro in campo, il Flamengo ha perso solo una partita, contro l’Universidad de Chile in Copa Libertadores. Adriano ha giocato 11 volte in stagione, marcando complessivamente 12 gol. Love invece è sceso in campo 15 volte e segnandone 13.

servizio del sito ufficiale del Flamengo http://www.flamengo.com.br/site/noticias/noticia.php?id=8620

Bruno, eroe della serata

Bruno, eroe della serata

Il Rubro-negro batte 1-0 il Santos con gol di Adriano e vola al terzo posto del Brasileirão

Davanti a più di 80.000 tifosi, sabato al Maracanã il Flamengo ha superato per 1-0 il Santos, collocandosi con 54 punti alla terza posizione nel Campionato Brasiliano. Adriano ha messo a segno la rete rossonera ma la vera, grande prestazione della serata è stata quella del portiere Bruno, che ha parato i due rigori battuti da Paulo Henrique Ganso. Nella prossima giornata il Club di Gávea giocherà al Mineirão contro l’Atletico Mineiro, ennesima sfida chiave per la squadra allenata da Andrade.

Il Flamengo è partito meglio degli avversari ed è subito passato in vantaggio, al 6’. Léo Moura ha crossato dalla destra e Adriano è saltato per realizzare di testa il suo diciassettesimo gol in campionato, raggiungendo in classifica marcatori Diego Tardelli: 1-0 per il Fla, che però dopo il vantaggio ha mollato consentendo al Santos di crescere.

Al 20’ l’arbitro Nielson Dias ha assegnato agli ospiti un dubbio rigore per fallo di Airton su Adailton. Paulo Henrique Ganso ha effettuato un tiro angolato che Bruno ha parato con sicurezza. E’ stato questo l’ultimo rischio corso nel primo tempo, che si è chiuso con un rallentamento di entrambe le squadre, incapaci di creare buone occasioni.

Gli ospiti hanno iniziato la ripresa all’attacco, sfiorando il pareggio grazie a una bella iniziativa di Felipe Azevedo che, al 10’, ha dribblato due difensori e tirato colpendo il legno. Poco dopo, Adriano è disceso sulla sinistra, è entrato in area e ha lasciato partire un tiro incrociato su cui Felipe ha ben parato, salvando il Santos.

Al 17’, ancora Adriano è stato servito in mezzo all’area e ha tirato con forza sulla traversa. Al 28’, l’arbitro ha concesso un rigore inesistente per presunto fallo di Alvaro su André. Paulo Henrique Ganso è andato ancora sul dischetto e Bruno ha respinto di piede scatenando la festa sugli spalti del Maracanã.

Nel finale, il Santos ha provato a procurarsi qualche altra opportunità ma il Flamengo ha tenuto duro mantenendo il risultato fino al termine, per il delirio della tifoseria rossonera.

servizio del sito ufficiale del Flamengo

http://www.flamengo.com.br/site/noticias/noticia.php?id=65