River Plate, fucina di giovani campioni

Sotto la guida di Kuyumchoglu, una rappresentativa Under-17 del Club andrà in Messico a giocare la Copba ‘Independencia Bicentenario’

Senza dubbio alcuno, i 18 ragazzi selezionati da Fernando Kuyumchoglu vedranno un sogno trasformarsi in realtà. Questo sabato, 2 di ottobre, si trasferiranno infatti in Messico per partecipare alle Coppa ‘Independencia Bicentenario’. Il torneo, riservato ai minori di 17 anni, sarà giocato da 8 squadre e la Finale avrà luogo niente meno che allo Stadio Azteca.

I giovani Millonarios fanno parte del Gruppo A con America, Chivas (messicani) e San Paolo (brasiliano) e giocheranno tutti gli incontri di questa fase nel Centro Sportivo dell’America. Nel Gruppo B, invece, ci saranno i messicani dei Pumas e della Cruz Azul e gli uruguaiani del Peñarol di Montevideo. Ad accompagnare i nostri ragazzi sarà oltretutto il Pato Fillol.

Di seguito i nomi dei giovani campioni che ci rappresenteranno in Messico:
Nicolás Rodriguez, Alexis Benítez, Víctor Cabrera, Federico Vega, Nicolas Chaves, Carlos Ruiz, Guillermo Peña, Nicolás Panteleone, Iván Díaz, Facundo Quignon, Agustín Barrientos, Fabio Maciel, Lucas Fernández, Lenardo Salguero, Leandro Garate, Franco Iberra, Jesús Schwindt e Alvaro Pavón.

articolo dal sito ufficiale del River Plate
http://cariverplate.com/noticias/2010/09/29/un-viaje-a-mexico

Annunci

il Morumbì è uno degli stadi più famosi del mondo

Questo sabato, 2 ottobre, lo stadio ‘são-paulino’ compie gli anni

Lo stadio Cícero Pompeu de Toledo, detto Morumbì, compie questo sabato 50 anni di vita.

Mezzo secolo fa, il 2 ottobre 1960, nel quartiere deserto di Morumbì veniva inaugurato lo stadio che sarebbe divenuto il più grande impianto privato di tutto il Brasile. Quel giorno si giocava San Paolo-Sporting Clube de Portugal e il Tricolor vinse per 1-0 con un famoso gol di Peixinho.

Come tutti sappiamo, a partire da quel momento il Morumbì sarebbe stato indissolubilmente legato alle vittorie e alle felici vicende são-pauline delle ultime cinque decadi, ma soprattutto assurse a simbolo cittadino, statale e nazionale in continuo divenire, al passo con la storia.

da un servizio di Juliana Carvalho per il sito ufficiale del San Paolo
http://www.saopaulofc.net/v4/noticias2NOVO2.asp?PLC_map_001_c=02.01&PLC_cng_ukey=40451133150572NAOC

Renato vuol tornare a sorridere

Il centrocampista sa di poter fare meglio e intende riscattarsi già sabato contro il Vitoria

Giocatore molto legato alla tifoseria rossonera e considerato uno dei migliori acquisti del Flamengo in questo secondo semestre, il suggeritore Renato non è ancora riuscito a giocar bene da quando contro ha indossato la maglia della squadra più amata contro il Cearà.

Da allora si sono giocate sei partite e il numero 11 ammette di poter dare di più nei prossimi 18 incontri del Campionato Brasiliano di quest’anno. Nel frattempo però sottolinea che non è solo a causa delle sue prestazioni sotto tono che la squadra non sta vincendo.

“Ho sempre detto chiaramente che più si va male più le cose peggiorano. Non ho molto tempo per allenarmi. Se il Flamengo si trova in questa situazione non è certo a causa del mio arrivo. Dobbiamo parlare, individuare gli errori e migliorare. Ci troviamo in un momento di emergenza, giochiamo spesso e non abbiamo tempo per prepararci. Bisogna considerare l’aspetto fisico anche se la gente tende a fare un tutt’uno. Il Flamengo comunque non sta perdendo perché tutto è sbagliato,” ha spiegato.

Il centrocampista si è dispiaciuto per l’espulsione di Diogo già nel primo tempo della sfida col San Paolo (0-2, giovedì sera, NdT), ma confida in un pronto riscatto già sabato contro il Vitoria (allo stadio General Silvio Raulino de Oliveira, che verrà utilizzato durante i lavori di ristrutturazione del Maracanà, NdT).

“Abbiamo patito un’espulsione molto presto ma credo che non dobbiamo perderci d’animo. Bisogna capire gli errori e provare a vincere, sabato. Abbiamo una buona squadra e tutte le capacità per cambiare le cose,” ha concluso.

articolo dal sito ufficiale del Flamengo
http://www.flamengo.com.br/site/noticias/noticia.php?id=10365