Berbatov, valore aggiunto dello United 2010-11

Sir Alex Ferguson non è abituato a svelare troppe cose, ma ha confermato che Dimitar Berbatov giocherà contro il Liverpool

Il bulgaro quest’anno si è dimostrato in forma, avendo già segnato quattro reti in cinque partite e mettendo a tacere i giornalisti che avevano dubitato che fosse un giocatore all’altezza del Manchester United. Il suo manager lo ha sempre appoggiato e domenica (oggi, NdT), in occasione della sfida col Liverpool, farà ancora affidamento su Dimitar.

“Non tutti hanno messo in discussione le sue capacità,” ha puntualizzato Sir Alex nel corso della conferenza stampa di venerdì mattina.

“Ha tantissimi estimatori, soprattutto qui al Club. Ha giocato alcune partite meravigliose con noi. Gli ho spiegato che deve lasciar perdere i giornalisti, dei cui titoli a volte si è troppo preoccupato. Ma in questa stagione ha fatto benissimo, gioca con disinvoltura e domenica ci sarà.”

Il boss ha anche ribadito come a suo parere le partite fra Machester United e Liverpool siano ancora le più classiche d’Inghilterra.

“Posso sembrare un pappagallo dato che lo ripeto in continuazione, ma questa è ‘la’ partita. Non stiamo ottenendo molti buoni risultati ultimamente – per qualcosa come cinque anni non abbiamo praticamente mai perso ma poi, più recentemente, loro sono riusciti a vincere per un po’ di volte di seguito. Noi abbiamo vinto l’ultima sfida, però, e speriamo che le cose vadano bene anche stavolta.”

articolo da ‘Red View’, la rivista elettronica ufficiale del Manchester United

Annunci

il portoghese ha 24 anni e da 4 è allo United

Non sono soltanto i giocatori della prima squadra nativi di Manchester che da bambini sognavano di giocare per i Reds. L’ala portoghese Nani ha confessato di aver visitato l’Old Trafford prima di firmare per lo United e che in quell’occasione si era seduto negli spogliatoi fantasticando di poter avere un suo posto lì, un giorno

Nel corso di un’intervista esclusiva per ‘Inside United’, il 23enne ha parlato del suo primo viaggio fatto sulla M16 (l’autostrada che passa per Manchester, con cui abitualmente ci si riferisce a questa città, NdT) quando era un ragazzo, considerando quanta strada abbia fatto da allora.

“Venni qui con un mio amico e facemmo la visita guidata dello stadio,” ha spiegato all’inviato del mensile. “Ricordo che ci sedemmo nello spogliatoio della prima squadra esclamando ‘Wow, qui è dove sta Ronaldo, e lì dove si mettono Rooney e Giggs’!”

“Siamo rimasti seduti lì provando a pensare come sarebbe stato usare quello spogliatoio, un giorno… e poi, due anni dopo, ero lì. Ero emozionantissimo mentre firmavo il contratto.”

Nani ha anche parlato del suo ruolo sempre più importante, al punto che è diventato uno dei giocatori chiave nello United del 2010. Ha anche spiegato come gli piaccia giocare e si senta a casa sia a Manchester che allo United.

“Vivere qui è bello,” ha aggiunto. “Ma la cosa più bella per me è poter giocare tutti i giorni per un Club così importante e avere l’opportunità di vincere qualcosa ogni anno.”

“Ho imparato molto da quando sono qui. Sono cresciuto, sono maturato e ho più fiducia nei miei mezzi. E’ la mia quarta stagione al Club e ormai questa è casa mia.”

servizio di Gemma Thompson per il sito ufficiale del Manchester United
http://www.manutd.com/default.sps?pagegid=6DDFCB6E-3471-4E45-9385-F04D05F4A70D&newsid=6652071&page=1

dalla strada al 'teatro dei sogni', non a caso

Sir Alex Ferguson ha spiegato che il nuovo acquisto dello United, appena ventenne, lotterà per un posto sulle fasce, ma dice anche che non c’è fretta di gettarlo nella mischia

Nel corso dell’usuale conferenza stampa infrsettimanale, il manager ha detto di avere innanzitutto intenzione di coinvolgere il centrocampista offensivo nella vita quotidiana di Carrington (sede del centro sportivo del Club, NdT).

“Non parla una sola parola di inglese. Dobbiamo fare qualcosa a riguardo chiaramente, gli procureremo un insegnante. E’ importante che si integri e capisca cos’è il Manchester United,” ha spiegato Sir Alex.

“Una volta che si sarà inserito, vedremo come gioca. E’ ambidestro, molto veloce, tutto da plasmare, ma sono certo che ce la faremo. E’ giovane e noi sappiamo come tirar fuori i ragazzi.”

“Non c’è motivo di fargli fretta e comunque abbiamo ottime alternative sulle fasce, soprattutto grazie a Nani e Valencia, che incominciano a dimostrare maturità. Abbiamo anche Ryan Giggs, ovviamente, e poi Gabriel Obertan e Tom Cleverley, quindi in quei ruoli siamo coperti.”

Bebe era praticamente uno sconosciuto prima che settimana scorsa, sorprendentemente, i Reds lo acquistassero. Sir Alex ha ammesso che si è trattato di una decisione d’istinto, agevolata dal parere di un osservatore di fiducia.

“Quando identifichiamo qualcuno che ha del potenziale di norma lasciamo che passi del tempo prima di prendere una decisione. Ma in Portogallo abbiamo un osservatore in gamba, con grande fiuto. Ha grandi aspettative per questo ragazzo e ci siamo fidati di lui.”

articolo da ‘Red View’, la rivista elettronica ufficiale del Manchester United