nessun gol subito, ma neanche fatto

La grande sfida tra Bayern e Werder Brema si è risolta a reti inviolate dopo che nessuna delle due squadre è riuscita ad approfittare di almeno una delle tante opportunità avute. “Ovviamente dobbiamo migliorare un po’ in tutti i reparti in vista dei prossimi impegni, soprattutto in fase realizzativa,” ha dichiarato Jorg Butt. Anche Louis van Gaal si è rammaricato per quanto sprecato: “Sono contento di come abbiamo giocato nella ripresa, ma dodobbiamo iniziare a segnare”

I commenti a Bayern-Werder Brema:

Louis van Gaal: “Non siamo stati in grado si capitalizzare le occasioni avute anche se oggi avremmo proprio dovuto riuscirci. Sfortunatamente non tutti i giocatori sono al massimo e questo è anche il motivo per cui spesso abbiamo perso palla. Sono contento di come abbiamo giocato nella ripresa, ma dobbiamo iniziare a segnare.”

Mark van Bommel: “Nel complesso non abbiamo giocato bene come avremmo voluto. E’ uno strano inizio di stagione, le squadre che stanno perdendo punti non sono quelle che ti aspetteresti.”

Jörg Butt: “Nel primo tempo siamo stati distratti, abbiamo commesso troppi errori e abbiamo anche perso stupidamente palla. Nel secondo tempo ci siamo procurati più occasioni ma ci è mancata la determinazione necessaria a concretizzarle. Ovviamente dobbiamo migliorare un po’ in tutti i reparti vista dei prossimi impegni, soprattutto in fase realizzativa.”

da un articolo del sito ufficiale del Bayern
http://www.fcbayern.t-home.de/en/news/news/2010/25269.php?fcb_sid=8d977ce2e55ebde5d2684825ea99e4e5

Annunci

prima vittoria in campionato per Mueller & Co.

I commenti a Bayern-Wolfsburg

Il Bayern è riuscito ad avere meritatamente la meglio sui campioni di Germania del 2009 del Wolfsburg soltanto all’ultimo. In questo modo, i campioni in carica hanno iniziato col piede giusto la strada verso la conferma del titolo di Bundesliga. “Sono contentissimo della vittoria e dei tre punti, anche se è stata davvero dura,” ha dichiarato l’allenatore Louis van Gaal al termine dell’incontro disputatosi all’Allianz Arena. Il suo collega Steve McClaren è apparso invece deluso: “Non meritavamo di perdere.”

Louis van Gaal: “Sono contentissimo della vittoria e dei tre punti, anche se è stata davvero dura. Nei primi quindici minuti del secondo tempo non siamo riusciti a completare un solo passaggio. Ho l’impressione che i miei fossero sicuri di avere già la vittoria in tasca quando sono rientrati in campo dagli spogliatoi. Ma poi siamo tornati a essere lucidi e proprio allo scadere abbiamo fatto gol (grazie a Schweinsteiger, NdT), oltretutto un gran bel gol.”

Miroslav Klose:“Nel primo tempo abbiamo avuto il dominio assoluto, giocando bene. A inizio ripresa, però, abbiamo perso il bandolo della matassa, non riuscivamo a giocare. Perdevamo palla di continuo e non stavamo più in campo bene come prima. E così il Wolfsburg ha creato delle occasioni ed è riuscito a pareggiare. Ma l’importante è aver reagito ed essere poi riusciti a portare a casa la vittoria. In ogni caso c’è ancora molto lavoro che dobbiamo fare.”

da un articolo del sito ufficiale del Bayern
http://www.fcbayern.telekom.de/en/news/news/2010/24965.php?fcb_sid=da99174ddea14f943d8efc8beadbc5aa

Robben vuole anche il Pallone d'Oro

“Ora tocca a noi”

Il Bayern ha già avuto 16 campioni del Mondo. Dalla ‘A’ di Augenthaler alla ‘T’ di Thon. Quattordici tedeschi, un brasiliano e un francese. Tutti loro hanno vinto i Mondiali mentre giocavano per il Bayern. E i primi olandesi potrebbero arrivare domenica (oggi, NdT). Mark van Bommel, Arjen Robben ed Edson Braafheid affronteranno la Spagna nella Finale dei Mondiali 2010, in programma a Johannesburg. “Ora tocca a noi,” ha esclamato il capitano del Bayern, van Bommel, convinto che presto saliranno a 19 i campioni del Mondo del Club bavarese.

L’ottimismo dell’Olanda dipende anche dalle ultime 23 partite giocate senza subire sconfitta e dal fatto che è l’unca squadra ad aver sempre vinto in Sud Africa. E adesso, finalmente, è il momento che il sogno si avveri. “Ultimamente ho perso una Finale. Non ho intenzione di lasciare che la storia si ripeta,” ha spiegato Arjen Robben riferendosi alla Finale di Champions League persa contro l’Inter appena sette settimane fa. (…) “Il nostro intento era di conquistare un’altra Finale mondiale per la prima volta negli ultimi 32 anni,” ha continuato, “e adesso faremo del nostro meglio per vincerla.”

Un’altra vittoria

“Un’alta partita, un’altra vittoria,” è l’appello del c.t. Bert van Marwijk in vista della Finale. Il suocero di van Bommel è considerato il vero artefice del successo dell’Olanda. Innanzitutto è riuscito a mettere insieme il gruppo. E, come ha ricordato Robben, “il nostro punto forte è che siamo uniti.” Poi, il c.t. è riuscito anche a creare equilibrio fra solisti e gregari.

L’ultima opportunità per van Bommel

Van Bommel incarna lo spirito della propria Nazionale al punto che il quotidiano olandese De Telegraaf l’ha descritto come ‘la macchina degli Orange’. Van Bommel imposta, van Bommel si butta nella mischia, da van Bommel partono le azioni d’attacco. “Questo è il mio ultimo Mondiale, la mia ultima occasione. Non voglio farmi sfuggire un’opportunità come questa,” ha chiarito il 33enne capitano del Bayern, con la Coppa bene nel mirino (…).

da un articolo del sito ufficiale del Bayern
http://www.fcbayern.t-home.de/en/news/news/2010/24013.php?fcb_sid=088ad3d62f4f2567b1cba6254f62e8da