il Morumbì è uno degli stadi più famosi del mondo

Questo sabato, 2 ottobre, lo stadio ‘são-paulino’ compie gli anni

Lo stadio Cícero Pompeu de Toledo, detto Morumbì, compie questo sabato 50 anni di vita.

Mezzo secolo fa, il 2 ottobre 1960, nel quartiere deserto di Morumbì veniva inaugurato lo stadio che sarebbe divenuto il più grande impianto privato di tutto il Brasile. Quel giorno si giocava San Paolo-Sporting Clube de Portugal e il Tricolor vinse per 1-0 con un famoso gol di Peixinho.

Come tutti sappiamo, a partire da quel momento il Morumbì sarebbe stato indissolubilmente legato alle vittorie e alle felici vicende são-pauline delle ultime cinque decadi, ma soprattutto assurse a simbolo cittadino, statale e nazionale in continuo divenire, al passo con la storia.

da un servizio di Juliana Carvalho per il sito ufficiale del San Paolo
http://www.saopaulofc.net/v4/noticias2NOVO2.asp?PLC_map_001_c=02.01&PLC_cng_ukey=40451133150572NAOC

Annunci

il portiere goleador si avvicina a quota 100 reti

Il portiere são-paulino ha segnato la sua prima rete su questo campo in occasione della partita col Fluminense

All’inizio di settembre inizieranno i lavori di ammodernamento del Maracanã in vista dei Mondiali del 2014 e per questo motivo l’impianto verrà chiuso. Nell’ultimo incontro ospitato da questo stadio, il portiere Rogério Ceni ha messo a segno il suo primo gol su questo campo. L’occasione, il pareggio per 2-2 di domencia sera col Fluminense.

“Sono felice per questa rete realizzata al Maracanã, dato che poi non giocherò più qui. Ora che inizierà il Mondiale, si sa, non starò più giocando. E così ho voluto lasciare la mia firma,” ha spiegato il capitano são-paulino.

Nel 2001, durante la semifinale del Torneo Rio-São Paulo, Rogério Ceni era già riuscito a far gol al Maracanã, ma era stato dal dischetto, ai rigori. Quello appena messo a segno è il 90° nella carriera del numero 1, e il 51° su calcio di punizione. I rigori, invece, sono stati 39.

In questa stagione, in particolare, è stato il quinto. Prima che al Fluminense, il giocatore aveva fatto gol al Rio Claro (rigore), all’Once Caldas (punizione), all’Ituano (rigore) e al Mogi Mirim (rigore). Nonostante il ragginugimento di questa quota di reti, però, Rogério dice che bisogna pensare innanzitutto a risollevare il San Paolo dalle zone basse della classifica.

“Dobbiamo lasciar perdere i record personali, adesso. Non è un lusso che possiamo permetterci. Il rigore che ho parato è stato importante per ottenere un risultato positivo. Ma prima di tutto dobbiamo far riprendere il San Paolo,” ha tenuto a precisare Ceni, che ha respinto una conclusione dagli undici metri di Washington.

Con 19 punti (dopo 17 partite, NdT), il Tricolor occupa il 15° posto. Questo giovedì sera, al Morumbì, la squadra riceverà l’Atletico Goianense. Poi, nell’ultimo turno dell’andata del Brasileirão, farà visita all’Atletico Mineiro.

servizio di Kaue Freitas per il sito ufficiale del San Paolo
http://www.saopaulofc.net/v4/noticias2NOVO2.asp?PLC_map_001_c=02.01&PLC_cng_ukey=40419213901CS5BF6R

Xandão, 23 anni, proviene dal Baruerì

Con due soli gol subiti in dieci partite, il San Paolo spera di tornare al Morumbì con un buon risultato

Mercoledì sera (oggi, NdT) il San Paolo va a Porto Alegre con l’intenzione di ottenere un buon risultato in vista della partita di ritorno al Morumbì, da cui uscirà una delle due finaliste della Coppa Libertadores. Atteso dalla sfida all’Internacional, davanti ai tifosi gauchos, il Tricolor vanta una campagna migliore di quella degli avversari.

Per ottenere il risultato sperato, la squadra paulista farà conto sulla grande forma dimostrata in stagione dal reparto difensivo. In dieci incontri, il portiere Rogerio Ceni ha subito appena due gol – per di più tutti in occasione della sconfitta per 2-1 contro l’Once Caldas, in trasferta, ancora nella fase a gironi.

Da allora, si sono giocati altre otto partite. Al Beira-Rio, l’obiettivo è fermare l’attacco colorado. Il difensore centrale Xandão, che spera di giocare nel Sud, sottolinea questa caratteristica são-paulina e si augura che il San Paolo riesca a tornare a casa con un buon risultato in vista della sfida decisiva al Morumbì.

“In Libertadores abbiamo concesso appena due gol, e tutti nella stessa partita. E’ un dato importante per il gruppo e spero che possa confermarsi nel proseguio della competizione. Se riusciremo a mantenere questa qualità in difesa, daremo un apporto decisivo alla conquista del titolo,” ha osservato Xandão.

Contro il Colorado, nel Sud, il tecnico Ricardo Gomes in difesa manterrà lo schieramento a tre, con Miranda, Alex Silva e Richarlyson. Dovesse cambiare idea, però, Xandão sembra essere una buona alternativa, visto come ha giocato ultimamente.

(…)

da un servizio di Kaue Freitas per il sito ufficiale del San Paolo
http://www.saopaulofc.net/v4/noticias2NOVO2.asp?PLC_map_001_c=02.01&PLC_cng_ukey=40385194432U6ERUY5