il belga non ha ancora vent'anni

Dedryck Boyata ha voluto rassicurare i tifosi dei Blues che il City VUOLE conquistare il campionato

Il difensore teen-ager ha ottimamente giocato da terzino destro in occasione della vittoria per 1-0 dell’ultimo fine settimana sui capoclassifica in fuga del Chelesa, fino ad allora imbattuti.

Con questo successo, il ritardo sui campioni uscenti si è ridotto ad appena 4 punti, questo poche ore dopo che Roberto Mancini aveva dato il Chelsea, in forma smagliante, per favorito nella corsa al titolo che si assegnerà il prossimo maggio.

Nonostante quanto detto dal manager circa le risorse che ha il suo compatriota Carlo Ancelotti, Dedryck non ha dubbi riguardo la voglia della squadra di inseguire il titolo durante tutto l’inverno a venire.

Ha detto Boyata: “Il nostro obiettivo è vincere il titolo ed entrare in Champions League. Di conseguenza non dobbiamo perdere la concentrazione. L’anno scorso abbiamo fatto bene contro le grandi. Adesso dobbiamo ripeterci in questa stagione.”

“Non abbiamo commentato le considerazioni del manager. Le ha fatte perché ha visto come ha giocato il Chelsea dall’inizio della stagione. Lo capisco. Ma so che sta pensando anche a vincere il campionato.”

Boyata è ancora un ragazzo ma ha dimostrato solidità nel corso di incontri come quello di sabato scorso e il derby della semifinale di Carling Cup in cui Mancini l’ha lanciato lo scorso anno.

A tale proposito ha spiegato: “All’inizio si hanno dei timori ma poi capisci che è l’occasione per dimostrare il tuo valore contro i migliori giocatori. Devi pensare a quel che sanno fare e trovare il modo di fermarli.”

“Ma Vincent Kompany e Kolo Toure mi danno ottimi consigli. Li vedo ogni giorno al campo e per me sono come fratelli maggiori. Mi aiutano sempre e hanno un ruolo importante nella mia vita.”

“Anche il manager mi ha aiutato a migliorare il mio gioco attraverso il lavoro che facciamo tutti insieme. Lavoriamo sempre molto sulla difesa, in allenamento, e speriamo di raccogliere i risultati in partita.”

servizio di Peter Ferguson per il sito ufficiale del Manchester City
http://www.mcfc.co.uk/News/Team-news/2010/September/Boyata-sounds-the-title-charge

Annunci

Hart è tornato a sorridere

L’eccellente avvio di stagione di Joe Hart è stato impreziosito dal riconoscimento quale miglior giocatore del mese di agosto, assegnato dai tifosi e sponsorizzato dalla Ethiad

Ormai prima scelta fra i pali sia del Club che della Nazionale inglese, Joe ha vinto nettamente, aggiudicandosi i tre quarti delle preferenze assegnate attraverso il sito ufficiale (e al rientro dagli impegni con l’Inghilterra riceverà il premio al Centro Sportivo di Carrington direttamente dalle mani di un tifoso estratto a sorte fra tutti i votanti, NdT).

Tornato in auge dopo un prestito di successo al Birmingham City, Joe ha subito lasciato il segno con una prestazione favolosa alla prima giornata di campionato, a White Hart Lane (campo del Tottenham, NdT). E il gol su rigore subito allo Stadium of Light (terreno del Sunderland, NdT) da Darren Bent, all’ultimo minuto di gioco, è stato l’unico subito in stagione fino a oggi.

da un servizio di Tim Oscroft per il sito ufficiale del Manchester City
http://www.mcfc.co.uk/News/Club-news/2010/September/Joe-Hart-wins-Manchester-Citys-Player-of-the-Month-award

vola l'Argentina di Carlitos

Dopo la doppietta al Messico, Carlos Tevez è ancora in corsa per diventare il primo giocatore del City capocannoniere di un Mondiale

La superstar argentina ha messo a segno un gol per tempo e in particolare il secondo è nato da un incredibile tiro dai venti metri, certamante una delle realizzazioni più belle viste finora nel torneo, anche se Tevez come suo solito ha mantenuto un profilo basso dopo il convincente 3-1 ottenuto dalla sua squadra

“Mi serviva una partita come questa per dimostrare che sto bene e fare il mio dovere per la Nazione la cui maglia sono orgoglioso di indossare,” ha detto.

“E’ importante essere arrivati ai quarti di finale. I primi due minuti sono stati duri per noi.”

“Non riuscivamo a correrre e i messicani ci hanno reso le cose complicate, all’inizio. Poi però è andata meglio. I miei gol? Diciamo che cerco sempre di essere utile, quando gioco.”

“Adesso dobbiamo rilassarci un po’ prima di affrontare i tedeschi nei quarti, quattro anni dopo aver perso contro di loro negli ultimi Mondiali. Dobbiamo riposare per farci trovare pronti.”

Una cosa che Carlitos non ha gradito, però, è la sostituzione decisa da Diego Maradona quando aveva ancora tempo per realizzare una tripletta.

“Sono contento di essere stato premiato come Miglior Giocatore della Partita,” ha detto. “Sono orgoglioso di indossare la maglia dell’Argentina e fino a quando non sono stato sostituito ho lottato e stavo bene.”

“Non capisco proprio perché abbia dovuto lasciare il campo, dato che stavo ancora così bene. Non so perché l’abbiano deciso e di certo non era colpa mia se la squadra non stava più tenendo abbastanza la palla.”

“Davvero non l’ho capito.”

servizio di David Clayton per il sito ufficiale del Manchester City
http://mcfc.co.uk/News/Team-news/2010/June/Tevez-looking-for-revenge-over-Germans